Cosa facciamo

Da quando è nata, nel 2007, Babel ha avviato progetti rivolti a bambini e donne di villaggi berberi dell’Alto Atlante (Marocco) con l’obiettivo di migliorarne le condizioni igienico-sanitarie, scolastiche, economiche, ambientali e sociali.
Ogni progetto è ideato pensando all’arricchimento che lo scambio alla pari tra culture può dare. Babel non vuole fare assistenza con progetti a scatola chiusa ma interagire per sperimentare un nuovo modo di relazionarsi con gli abitanti del Sud del Mondo.
Per portare avanti questo principio, i volontari hanno imparato quanto sia fondamentale costruire giorno per giorno un rapporto di fiducia reciproca con gli abitanti dei villaggi, cercando di essere sempre leali e onesti, ascoltando le problematiche che vengo poste, dando opinioni e consigli sinceri anche quando è difficile.

Ecco cosa ha realizzato fino ad oggi Babel nei villaggi berberi dell’Alto Atlante:

  •     campi di volontariato per coinvolgere i bambini in attività ludiche, didattiche e igienico-sanitarie
  •     distribuzione di abbigliamento invernale, materiale didattico, medicinali
  •     lavori di manutenzione nelle scuole
  •     progetti contro la violenza alla donne e per promuovere la loro autosufficienza
  •     costruzione di un bacino per l’approvvigionamento idrico nei momenti di siccità
  •     sostegno finanziario ad operazioni chirurgiche per bambini in gravi condizioni di salute
  •     raccolta di rifiuti abbandonati nei villaggi
  •     promozione del turismo sostenibile.

L’azione di Babel è rivolta in primo luogo agli abitanti più piccoli, più poveri e più deboli di ogni villaggio. Fino ad oggi Babel ha collaborato con queste comunità marocchine: Immouzzer, Afrà, Tamguenguente, Issirs, Ouarzazate.


 

 

 

Diventa nostro Fan!